Vivai Gardin

Attualmente sei su:

BONUS VERDE | Scopri che cos'è!

 Cos’è il Bonus Verde?

A partire dal 1° gennaio 2018 è stata introdotta nella Legge di Bialncio una detrazione dell’imposta sui redditi delle persone fisiche, pari al 36% e fino a un ammontare massimo di 5.000 euro per unità immobiliare. Quindi la detrazione massima è di 1.800 euro, cioè il 36% di 5.000 euro, per ogni unità abitativa. L’agevolazione è fruibile senza che sia collegata a una ristrutturazione edilizia e senza alcun titolo abilitativo.

Chi può usufruire del Bonus Verde?

Può usufruirne chiunque sia in possesso di una unità immobiliare abitativa: proprietari, nudi proprietari, titolari di altri diritti reali ma anche chi detiene l’unità con titolo idoneo ( locazione e comodato ).

Che cosa è compreso?

L’Agenzia delle Entrate ha precisato che gli interventi devono essere di natura straordinaria. Quindi sono agevolabili tutti gli interventi consistenti nella sistemazione a verde ex novo o nel rinnovamento dell’esistente. Sono quindi compresi:
• la fornitura di piante e arbusti e loro messa a dimora ( anche all’interno di vasi / vasche ) :
• recupero del verde di giardini di interesse storico ;
• riqualificazione dei tappeti erbosi, a esclusione di quelli utilizzati per uso sportivo con fini di lucro;
• la realizzazione o il rifacimento di impianti di irrigazione;
• la realizzazione di pozzi;
• le spese di progettazione;
• le spese per i lavori di trasformazione dell’area incolta in aiuole e giardini;
• la realizzazione di coperture a verde e giardini pensili.

Per i balconi e terrazzi, in particolare, è ammessa in detrazione la spesa per l’acquisto e la piantagione di alberi, cespugli e arbustive, ma solo se sono perenni e non stagionali. Nell’ambito di un processo di riqualificazione di un terrazzo, è però consentita anche la detrazione di piante ornamentali, purché rappresentino un elemento davvero complementare del progetto e non preminente.

Quanto si può detrarre?

Sono detraibili tutte le spese sostenute, cioè effettivamente pagate, dal 1° gennaio 2018.
La detrazione è pari al 36%, si applica su un limite massimo di 5.000 euro ( Iva compresa ) e viene ripartita in 10 quote annuali di pari importo. Il Bonus Verde è cumulabile su più immobili.

L’allestimento a verde su balconi e terrazzi comprende anche gli elementi di supporto, come per esempio l’acquisto di grandi vasche per contenere substrati ed eventuali tutoraggi per le piante rampicanti. Strutture per esempio utilizzabili con la funzione di barriera verde contro le polveri sottili da collocare in sede permanente su balconi e terrazzi.

Tra le spese di progettazione sono inserite anche quelle riferite alle indagini progettuali, come per esempio le valutazioni microclimatiche e ambientali, le analisi del terreno, le indagini fitoiatriche e fitostatiche sulla vegetazione eventualmente presente, rese da tecnici e specialisti.

Come si fanno i pagamenti?

Per usufruire del Bonus Verde i pagamenti devono essere tracciabili, quindi: bonifico ordinario, assegni bancari o postali, bancomat e carte di credito.