Una domanda che ci fate spesso quando passate in vivaio é cosa succede ad alberi e grandi arbusti durante questi mesi di siccità.


In apparenza, queste piante sembrano poter resistere senza gravi problemi: le foglie si avvizziscono, alcune si bruciano e accartocciano, altre cadono prima della normale stagione.
Questi sono alcuni dei danni a breve termine che la pianta é in grado di recuperare.

Tuttavia, se la siccità persiste durante un lungo periodo di tempo, alberi e grandi arbusti possono iniziare a mostrare segni piú permanenti, che includono una crescita minore o nulla, la perdita di alcuni rami che si seccano e la morte.

Gli effetti a lungo termine su alberi e grandi arbusti sono principalmente tre.

1.I rami piú alti si seccano, le foglie cadono e la chioma si fa piú piccola. Se la siccità dovesse continuare durante lunghi periodi, il danno inflitto sarebbe sempre maggiore e potrebbe portare alla morte della pianta.

2. Gli attacchi dei parassiti aumentano perché la pianta, da un lato, é indebolita dalla mancanza d’acqua e, dall’altro, perde l’effetto benefico degli insetti predatori dei parassiti perché sono molto meno attivi.

3. La pianta sa difendersi peggio dai patogeni perché non é più capace di compartimentare gli attacchi, ossia di isolarli in una specie di “camera” separata dal resto della pianta.

Quindi cosa possiamo fare per ridurre l’impatto della siccità?

Tutti vorremmo poter predire quando la siccità finirà ma, al momento, non ne abbiamo i mezzi. Quello che possiamo fare é prepararci e accettare che dovremmo imparare a convivere con questi avvenimenti climatici e pensare al nostro spazio e alle piante in modo strategico

Il primo passo é scegliere la pianta giusta per il tuo spazio affidandoti alla consulenza di esperti professionisti: conoscenza e competenza sono davvero essenziali per garantire che le tue piante crescano e sopravvivano, soprattutto in questo momento storico senza uguali. 

SCRIVICI ORA VIA WHATSAPP OPPURE VIA CONTACT FORM E PRENOTA IL TUO SOPRALUOGO.

Poi, proteggi il suolo attorno alla tua pianta: osserva la natura attorno a te e vedrai che il suolo nudo non esiste perché un suolo esposto si impoverisce molto velocemente e si dilava via rapidamente, soprattutto con le bombe d’acqua di questi anni.
Aggiungi ammendanti organici al terreno per migliorarne la struttura e un buon strato di pacciamatura per ridurre la evapo-traspirazione.
Se durante la piantagione della pianta è stato aggiunto un tubo di irrigazione sotterraneo, approfitta per far arrivare l’acqua in profondità appena la normativa lo consente.

Questi sono i metodi migliori per aiutare gli alberi e i grandi arbusti a resistere alla siccità.